Instagram Profile Twitter Profile FaceBook Profile

L'attesissimo ritorno di un grande narratore. La storia della donna che Vittorio Emanuele amò tutta la vita.

"Si legge con gusto per la ricostruzione lieve e rispettosa, per la scrittura affettuosa, per la scelta di attutire i toni e di evitarne i contrasti", Giovanni Tesio

"Le penne pesano quando si racconta il Risorgimento. Ma è leggerissima quella di Farinetti" Antonio D'Orrico

GIANNI FARINETTI, REGINA DI CUORI, MARSILIO

Il re è morto, viva il re. Il 9 gennaio 1878 muore a Roma, nel suo appartamento affacciato sui giardini interni del Quirinale, il primo re d'Italia Vittorio Emanuele ii, il Padre della Patria. In quattro giorni, fra il mettersi a letto e chiudere per sempre gli occhi, ha tempo di ripensare alla sua vita straordinaria. Di certo ha rivisto come in un lampo i vittoriosi campi di battaglia: si è creduto un leggendario guerriero e un abile stratega. Ha ripensato commosso alla barba di Garibaldi (quel brigante!) e persino a Mazzini, senza i quali, sembra incredibile, l'Italia non si sarebbe fatta. E soprattutto ai furibondi litigi con Cavour, quel geniale ma intrigante saputello a cui deve la fortuna della dinastia. Altri pensieri - più futili e perciò più piacevoli - gli si affollano nella mente: e così, ma non certo evocata per ultima, appare lei, Rosina, l'amante dagli occhi cangianti e quello stuzzichevole sorriso che gli aveva rapito il cuore trent'anni prima. Una semplice figlia del popolo - e dal popolo venerata - che aveva voluto accanto a sé creandola prima contessa di Mirafiori e Fontanafredda - ah, Cavour quanto si era arrabbiato! - e poi sposandola, seppure morganaticamente, davanti a Dio e agli uomini. QUI Elena Loewenthal su La Stampa, QUI un'intervista a Gianni Farinetti sulla Regina di cuori, QUI la rassegna completa di Regina di cuori. QUI i prossimi appuntamenti con Gianni Farinetti

->Home